Collane

Un’Americana ad Assisi 2016

READ MORE

Molly Berkeley

Beaded Bubbles. Un’Americana ad Assisi

trad. di Katherine Brandt e Cristina Gasparri

pp. 192; ill. b/n

L’idea di fondo era rendere fruibile l’esperienza di vita di una persona che ha trovato nella terra umbra e in particolare ad Assisi un luogo privilegiato per soddisfare la propria sensibilità di artista creando anche un cenacolo culturale di grande autorevolezza a livello internazionale, soprattutto in ambito musicale. Protagonista di questa vicenda è stata Mary Emlen Lowell contessa di Berkeley vissuta ad Assisi alternativamente dagli anni Trenta al 1975, anno della sua morte e che nella sua particolare biografia pubblicata in lingua inglese descrive, con ricchezza di particolari, con vivacità e una levità che caratterizza tutta la sua narrazione, il profondo rapporto con la città umbra. (dalla presentazione di Rita Fanelli Marini)

Molly Emlen Lowell, nasce a Chestnut Hill, contea di Newton (Boston) il 31 luglio 1884. Trascorre la sua lunga vita tra gli Stati Uniti e l’Europa. Dopo il primo matrimonio (1904) con Francis Vernon Lloyd, da cui avrà l’amato figlio Francis, nel 1924 sposa Randall Thomas Mowbray 8° (e ultimo) Conte di Berkeley.
Dagli anni Trenta in poi comincia a frequentare Assisi dove realizzerà il suo buen retiro.
Muore ad Assisi l’11 agosto 1975.
La sua biografia viene pubblicata sia in Gran Bretagna (Beaded Bubbles, Hamish Hamilton, London), sia a negli Stati Uniti d’America (Winking at the brim, Houghton Mifflin Company, Boston) nel 1967.

Freschi di stampa giugno 2017

READ MORE

Obbligo e Pazienza. Giornaletto della Guerra 1915-1918 di Giuseppe Moccoli

a cura di Luciana Brunelli e Attilio Turrioni

giugno 2017 pp. 104 ill. b/n

Giuseppe Moccoli (2 maggio 1896 – 16 aprile 1975)
Nato a Ponze di Trevi, figlio di Bernardo Moccoli e Ancilla Brunelli, era il più grande di otto tra fratelli e sorelle. Partecipò alla Prima Guerra Mondiale come soldato del 3° reggimento artiglieria da Fortezza Costa. Il 13 novembre 1921 Giuseppe sposò Angela Egidi, ed insieme ebbero sette figli: Antonia, Ancilla, Ersilia, Francesco, Lorenzo, Lina e Domenica. Non parlava mai della guerra: solo quando qualcuno non voleva mangiare, borbottava: «Dovevate stare in guerra, non avevamo niente da mangiare, andavamo nelle vigne a prendere un po’ d’uva e se non c’era mangiavamo le foglie e una volta abbiamo mangiato anche un cane».
Giuseppe, in tempi di pace, operò per la Comunanza Agraria di Ponze, istituendo il primo consiglio di amministrazione il 1 dicembre 1946 e divenendone il Presidente fino al 1962.
La nipote Giuliana ne ha un ricordo molto vivo: dall’aspetto severo, molto preciso nel vestire, specie quando scendeva a Trevi, «non je penneva un capello», dicevano a casa…

 

 

 

Freschi di stampa giugno 2015

READ MORE

COPERTINA-SERMEIx-webElvio Lunghi  Paola Mercurelli Salari

Cesare Sermei

pittore devoto nell’Umbria del Seicento

(22×24, 282 pp., 200 ill. color)

Il Seicento ad Assisi non è stato per l’arte il secolo più importante.
Fu anzi un secolo decisamente chiuso, che fece quadrato contro gli
artisti forestieri concentrando in poche mani la gran parte delle
commissioni scaturite dal rinnovamento degli interni ecclesiastici in
età tridentina. Il secolo si era aperto con la conclusione delle
numerose fabbriche intraprese nel Cinquecento, che inizialmente vi
portarono da Perugia e da Roma maestri forestieri, per poi limitarsi
all’attività di pochi attivissimi pittori locali riuniti intorno alla figura
carismatica di Cesare Sermei: originario di Città della Pieve, giunto
ancor giovane ad Assisi per lavorare nel cantiere della basilica di
Santa Maria degli Angeli e poi stabilitosi in città, acquisendone la
cittadinanza e trascorrendovi l’intera esistenza. […]
In un momento di evidente crisi per le vivaci polemiche all’interno
dell’Ordine, Sermei compì il miracolo di lavorare per i diversi rami in
cui si era divisa la famiglia francescana, e lo fece sia ad Assisi che in
altre città dell’Umbria, riuscendo nell’intento di ricomporre in
immagine unitaria un puzzle decisamente scomposto

Freschi di stampa maggio 2015

READ MORE

COVER-PLACCHESI-low

Michele Benedetti Placchesi

Resistere goccia a goccia

Diario di prigionia a Wietzendorf (1943-1945)

prefazione e postfazione di Edvige Benedetti Placchesi
con un saggio di Luciana Brunelli
(17×24, 336 pp., 40 ill. b/n)

Michele Benedetti Placchesi (Foligno, 25/1/1908 – 21/8/1982)

Folignato de ‘nto le mura, come diceva lui, era nato il 25 gennaio 1908 nel palazzo Coresi, alle Conce, davanti alla chiesa di Santa Margherita. […] Impiegato prima al Banco di Roma, poi alla Cassa di Risparmio di Foligno, nella cui filiale di Montefalco avrebbe conosciuto la futura moglie Norma, che andava a fare i pagamenti per la sorella farmacista. Si sarebbero sposati nel dicembre del 1937 e il 25 marzo del 1939 sarebbe nato il primo figlio Giovanni, detto Nanni; un anno dopo l’Italia sarebbe entrata in guerra […] .
L’8 settembre 1943 trovò Benedetti Placchesi a Làrissa, in Tessaglia e, nella completa latitanza, o meglio liquefazione, dei comandi, toccò a lui, tenente più anziano, prendere il comando del gruppo. Circondati e fatti prigionieri, fu loro comunicato che «per ordine del Führer» erano divenuti I.M.I. – Internati Militari Italiani, e che sarebbero stati portati nel Reich. […]
Il diario (tre taccuini e cinque quadernetti) inizia il 1 dicembre 1943 nella fortezza di Leopoli, nell’attuale Ucraina, allora Polonia occupata, e si conclude a Merano, il 30 settembre 1945, sulla via del ritorno a casa. […]
Questo diario focalizza la vita nel campo di Wietzendorf, le quotidiane sofferenze, le continue umiliazioni, la forza interiore di Michele Benedetti Placchesi che gli consente di resistere al freddo, alla fame ai sempre più intensi dolori ossei, causa in seguito di una grave infermità. Scrive ogni giorno il suo diario come fosse un continuo colloquio con la moglie Norma. La famiglia, gli affetti, la terra d’origine sono i nodi della sua esistenza in quel luogo che, con l’ammirevole ironia che sempre lo sostiene, definisce come «l’albergo sbagliato dove non davano molto da mangiare» e dove era capitato nel «giro turistico d’Europa», prendendo a prestito tale definizione dal padre che aveva conosciuto la prigionia nella Prima Guerra Mondiale. La vita di una famiglia, da padre a figlio, segnata dunque dalla prigionia e dalle terribili vicende che ogni guerra porta con sé. […] Ringraziamo chi ci ha offerto l’occasione di operare ancora una volta affinché non sia possibile dimenticare.

La Rocca di Gualdo Cattaneo (2014)

READ MORE

Renzo Marconi

La Rocca di Gualdo Cattaneo

Una bellissima e fortissima construttione


Delle sei collane nate dall’impegno dell’Associazione Orfini Numeister, Spazi, Momenti, Culture è quella più affollata, quindici titoli su quarantanove. E proprio la rocca di Gualdo Cattaneo è il quindicesimo volume di questa collana che per sua natura è ricca di una molteplicità di contenuti. Molteplicità che si ritrova in questa pubblicazione nata per colmare un vuoto, per dare piena consapevolezza a tutta una comunità di un vissuto anche lontano che inevitabilmente ha costruito il presente, che ognuno sente come proprio, ma del quale non ha spesso precisi elementi di conoscenza. La comunità di Gualdo Cattaneo ha espresso con lineare chiarezza l’esigenza e la volontà di acquisire uno strumento capace di consentire ad ognuno di capire quanto il passato sia presente nella propria vita, quanto il luogo dove vive e opera sia testimonianza di una realtà storica che si riflette in ogni aspetto del presente, quale parte ognuno può e deve avere per la salvaguardia e la valorizzazione di un così significativo patrimonio. Questo lavoro non è solo portatore di nuove conoscenze e come sempre apre ulteriori orizzonti di indagine e di ricerca, ma testimonia il consenso a un atteggiamento di fiducia in quei valori basilari per una comunità che, senza la coscienza delle proprie radici, non ha alcun presupposto, né alcuna risorsa per affrontare il futuro. Infatti, può vivere e prosperare un albero senza radici?

(17×24; 352 pp.; 20 ill.colore, 20 ill. b/n)

La Chiesa e il Convento di San Martino di Trevi (2014)

READ MORE

Cinque secoli di vita francescanaINVITO-rev-2-1

a cura di Giulio Mancini

testi di: Giulio Mancini, Leonardo Blasetti, Elvio Lunghi, Anton Carlo Ponti, Carlo Roberto Petrini, Rita Fanelli Marini, Milena Russo, Ester Giovacchini.

schede di restauro: Leonardo Blasetti, Isabella Gubbini, Lisa Maggiolini, Manuela Elisei, Bernardino Sperandio, Bruno Bruni, Luana Casaglia, Pierangelo Fiacchi


 

A San Martino arte e fede si stratificano e si compenetrano in modo talmente forte ed evidente che ne scaturisce un coinvolgimento profondo del visitatore quando, entrando in questa complessa armonia, viene inevitabilmente colto da meraviglia, che poi come qualcuno ha detto, è la prima forma di preghiera. L’Associazione Orfini Numeister ha accolto con totale disponibilità questo impegno che offre nuove numerose e fino ad ora inesplorate piste di ricerca e va letto proprio come tale e non certo come un percorso compiuto. Del resto il valore fondamentale e profondo di ogni pubblicazione è lo spirito di ricerca che deve alimentare, è la spinta alla curiositas nella sua più completa accezione, come desiderio di capire, capire fino in fondo per quanto è possibile.

La riorganizzazione generale degli spazi di tutto il complesso ha inoltre aperto il convento a una nuova presenza, quella delle Clarisse, qui trasferite dal 5 ottobre 2014 dal monastero di Santa Chiara in Piaggia di Trevi con la prospettiva di costituire a San Martino «una casa di preghiera per tutti i popoli». Un luogo quindi dove vive una comunità in preghiera che rafforza e completa il profilo di San Martino storicamente presidio dei  Frati Minori, dove si va per pregare.

Questo volume dunque conclude una fase di completa riqualificazione della struttura e apre una nuova fase nel suo ruolo spirituale in quanto arricchisce la comunità di Trevi anche della dedicazione a Sant’Antonino martire in Cina, rafforzando al tempo stesso nelle Clarisse lo spirito missionario che le riporta alla loro vocazione profonda impressa dalla fondatrice Santa Chiara.

(17×24; 240 pp.; 85 ill. colore, 18 b/n)

Foligno 1613. La Quintana e la Città (2013/2014)

READ MORE

coverQuintanaIn occasione del Quarto Centenario dalla stesura del documento di Ettore Tesorieri, l’Associazione Orfini Numeister e l’Ente Autonomo Giostra della Quintana di Foligno presentano

Foligno 1613. La Quintana e la Città

a cura di Luciano Piermarini

testi di: Luciano Piermarini, Fabio Bettoni, Bruno Marinelli, Giordana Benazzi, Emanuela Cecconelli, Piero Lai, Luigi Sensi, Giancarlo Malacarne, Anna Maria Rodante Sabatini, Alex Revelli, Marco Servili, Ariodante Picuti, Pierluigi Mingarelli, Stefano Trabalza, Bernardino Sperandio


 

Il lavoro di ricerca e di studio proposto, insieme alla particolare e mirata documentazione fotografica, è il frutto di un impegno corale, al fine di andare oltre quanto già detto, di ricercare gli elementi più profondi e significativi che danno senso a tanto impegno come quello della Giostra e che costituiscono uno stimolo continuo ed efficace a entrare in un passato dal quale trarre tutti quegli elementi di bellezza, di vitalità, di entusiasmo, di creatività che possono arricchire e alimentare il nostro presente. È come se questo documento e tutto quanto abbiamo voluto celebrare per i suoi quattrocento anni di vita, fosse uno scrigno di gioielli dai quali trarre stimolo all’arricchimento culturale e spirituale alimentando quel desiderio di bellezza, insito in ognuno di noi, e che diviene profonda esigenza solo se costantemente sostenuto, educato proprio nella quotidianità. Un grande impegno dunque per tutta la “macchina della Quintana” nella quale abbiamo voluto con questo lavoro porre un nostro contributo.

(320 pp., formato cm. 21×30; illustrazioni: 262 a colori, 30 b/n; copertina in cartone telato con sovraccoperta; 70€)

Segni di Fede (2013)

READ MORE

segnidifedeSegni di Fede

nell’arte contemporanea

Catalogo della Mostra (Foligno, Museo Capitolare Diocesano 28 settembre 2013 – 25 gennaio 2014)

a cura di Paolo Aquilini

(60 pp., formato cm. 21×21; illustrazioni: 20 a colori)

Pagine sull’Umbria (2013)

READ MORE

Gustaw Herling

Pagine sull’Umbria

dal Diario scritto di Notte

a cura di Arnaldo Picuti

L’Umbria nell’età napoleonica (2013)

READ MORE

COVER-L'UMBRIA-NELL'ETA-NAPOLEONICA-rev-2L’Umbria nell’Età Napoleonica

Atti del Convegno di Studi a cura dell’Archivio di Stato di Perugia

(Perugia-Spoleto 1-2 dicembre 2010)

a cura di Paola Tedeschi

(17×24;176 pp.;32 ill. b/n)