Tag Archive: Assisi

Freschi di stampa giugno 2015

READ MORE

COPERTINA-SERMEIx-webElvio Lunghi  Paola Mercurelli Salari

Cesare Sermei

pittore devoto nell’Umbria del Seicento

(22×24, 282 pp., 200 ill. color)

Il Seicento ad Assisi non è stato per l’arte il secolo più importante.
Fu anzi un secolo decisamente chiuso, che fece quadrato contro gli
artisti forestieri concentrando in poche mani la gran parte delle
commissioni scaturite dal rinnovamento degli interni ecclesiastici in
età tridentina. Il secolo si era aperto con la conclusione delle
numerose fabbriche intraprese nel Cinquecento, che inizialmente vi
portarono da Perugia e da Roma maestri forestieri, per poi limitarsi
all’attività di pochi attivissimi pittori locali riuniti intorno alla figura
carismatica di Cesare Sermei: originario di Città della Pieve, giunto
ancor giovane ad Assisi per lavorare nel cantiere della basilica di
Santa Maria degli Angeli e poi stabilitosi in città, acquisendone la
cittadinanza e trascorrendovi l’intera esistenza. […]
In un momento di evidente crisi per le vivaci polemiche all’interno
dell’Ordine, Sermei compì il miracolo di lavorare per i diversi rami in
cui si era divisa la famiglia francescana, e lo fece sia ad Assisi che in
altre città dell’Umbria, riuscendo nell’intento di ricomporre in
immagine unitaria un puzzle decisamente scomposto

READ MORE

7sf_sup_5c

 

 

 

Autore: Mattia Zangari

Titolo: Parole e immagini nella Vetrata degli angeli

Relatore: Prof. Francesco Bausi

Correlatore: Prof. Benedetto Clausi

Data di discussione: 28.05.2013

Luogo di discussione: Università della Calabria

Luogo di deposito dei dati: Biblioteca di Aerea Umanistica “F. E. Fagiani” http://bau.unical.it

Sinossi: Il lavoro prende in considerazione lo stretto rapporto intrattenuto dai testi con l’opera figurativa del Maestro di San Francesco, la Vetrata degli angeli. Partendo dall’invetriata, che è sottoposta una diramata diffrazione, si  cerca di dimostrare come il raccordo fra il vetro e l’opera minoritica di Giacomo da Milano, lo Stimulus amoris, ravvisato da Poulenc, sia effettivamente verosimile. Come è noto, Angela da Foligno, nel corso del suo pellegrinaggio ad Assisi nel 1291, guardando la vetrata con questo insolito soggetto, sperimenta una visione-rivelazione, di non secondaria importanza per il suo cammino di conversione ed in seguito si stabilisce  un rapporto fra la mistica e uno stuolo di immagini propriamente «personali», rispetto alle quali ella sperimenta una speciale confidenza. È comunque l’estasi davanti alla vetrata ad attivare un copioso ruscellare di visioni mistiche, fino a favorire un elegante «bouquet» di immagini che possono, in certi casi, generare altre immagini, tutte come idealmente raccolte nella «riza» d’oro dello Stimulus amoris, il cui messaggio è filtrato dalla vetrata in questione. Contestualmente è trattato, trasversalmente, il discorso delle disquisizioni sulle immagini, da Gregorio Magno a san Tommaso, da Giacomo da Vitry allo Pseudo-Bonaventura, da san Bernardo di Clairvaux a Rabano Mauro.